Olive sane

L’olio extravergine è diventato un farmaco

Potrà sembrare fantascienza ma sul suolo americano  la definizione di olio extravergine d’oliva è stata cambiata da alimento salutare a medicinale. E non è un qualsiasi ente a stabilirlo ma la statunitense Food and Drug Administration (FDA), il severo ente governativo che vigila sulla regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, che saranno distribuiti sul suolo . L’ente infatti davanti alle sempre più numerose e solide prove scientifiche di efficacia clinica dell’olio extravergine non ha potuto far altro che accertarne e riconoscerne benefiche proprietà mediche. Più nello specifico è stato accertato che svolge particolare azione nella prevenzione di malattie cardiovascolari, nella prevenzione di malattie neurodegenerative  negli anziani, e nel ridurre il rischio del  diabete mellito .

Evo? quanto e quando…

Il FDA stabilisce che è sufficiente assumere ogni giorno, ed entro massimo 12/18 mesi dall’estrazione (secondo la legge italiana (Legge n.9/2013, art.7), dalla data d’imbottigliamento del prodotto), 2 cucchiai (23 grammi) di olio extravergine d’oliva (avente notoriamente un contenuto di acido oleico tra il 70 e l’80%), crudo e lavorato a freddo, per garantire al nostro organismo l’assunzione di almeno 17.5 grammi di acido oleico, un importante acido grasso monoinsaturo della famiglia degli omega 9, 4.5 milligrammi di vitamina E, un noto antiossidante liposolubile, 10 milligrammi di efficaci polifenoli (tra tutti l’oleocantale, il tirosolo, l’idrossitirosolo e l’oleaceina), potenti modulatori dell’espressione di geni protettivi in modo epigenetico (senza modificare la sequenza del DNA), che abbondano (>600mg/kg di olio) in specifiche varietà di olivo, come le pugliesi Coratina e Ogliarola, le toscane Maurino e Moraiolo, la spagnola Cornicabra e la californiana Mission. 

356821 PAVK9V 980

Nel 2016, un gruppo di ricercatori dell’Università Aldo Moro di Bari, ha dimostrato “Che la singola assunzione da parte di soggetti sani, al mattino e a digiuno, di 50 millilitri (44 grammi) di olio extravergine di oliva Coratina promuove l’espressione di microRNA (miR; i più piccoli RNA in natura che bloccano l’espressione di specifici geni) ad azione anti-infiammatoria (miR-23b-3p) e anti-tumorale (miR-519b-3p), mentre inibisce l’espressione di microRNA che favoriscono la resistenza all’insulina (miR-107) “.

In conclusione possiamo dire che due cucchiai di Evo al giorno allontanano il medico di torno, ovviamente Ogliarò, l’ Evo dell’azienda agricola Gentile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su